La diffusione della Malva nelle sue specie

Malva Sylvestris e altre specie, la loro diffusione

Troviamo numerose specie e altrettante varietà di Malva. Si tratta di una pianta diffusa in tutto il Paese, in particolare nella specie della Malva Sylvestris.

La Malva è una pianta versatile che ben si è adattata ai climi in cui è cresciuta: nelle vallate alpine è facile incontrare le specie moschata o alcea, mentre al sud troviamo la cretica o la multiflora. Guardando invece sui marciapiedi di quasi tutto il paese è facile incontrare la neglecta.

Persino dall’altra parte del mondo, in Australia, troveremo la preissiana e così via, diverse specie sono presenti in tutti i continenti.

Molte di queste si sono lasciate addomesticare ed oggi possono essere coltivate in vivai e giardini e utilizzate per bere un’ottica tisana alla Malva.

Specie italiane:

Malva SYLVESTRIS Pianta perenne, fusto centrale fino a 50cm di altezza, fiori all’ascella generalmente striati di varie tonalità di viola. Foglie molto grandi e tonde. Ben adattata in tutta Italia.

Malva MOSCHATA Pianta perenne, portamento cespuglioso fino a 30-50cm di altezza, fiori a mazzetti in cima agli steli di colore rosa o bianco. Foglie profondamente settate.

Malva NEGLECTA Pianta annuale, piccola, tappezzante. Fiori molto piccoli bianco rosati, poco accesi. Foglie tonde, intere. (neglecta = trascurata, ma con principi attivi più marcati rispetto alle altre specie)

Malva ALCEA Pianta perenne, portamento eretto fino a 80cm. Fiori all’ascella delle foglie superiori tendenti al rosa. Foglie poco settate.

Malve tipiche della macchia mediterranea:

Malva CRETESE
Malva MULTIFLORA
Malva PARVIFLORA
Malva PUNCTATA
Malva SUBOVATA (solo sulle coste occidentali del paese, sulle rupi delle scogliere)