Foeniculum vulgare, Finocchietto selvatico

Scopri tutta la nostra produzione di piante ornamentali ed erbe commestibili!

Il Foeniculum vulgare è meglio conosciuto come Finocchietto selvatico, una pianta erbacea aromatica perenne e spontanea, originaria della zona mediterranea. Altri, in maniera “meno gentile” lo chiamano finocchio bastardo.

Si utilizzano i germogli, le foglie, i fiori e i frutti che qualcuno chiama”semi”.

Finocchietto selvatico dove trovarlo

Dove si compra? Lo trovate da noi, che lo coltiviamo nel vivaio di Lecco e potete ordinarlo contattandoci o nelle diverse manifestazioni a cui partecipiamo.

Finocchietto selvatico coltivazione

Piantare finocchietto selvatico o coltivarlo non è difficile. La coltivazione può partire dai semi di finocchietto selvatico che si trovano in commercio o potete acquistare le nostre piante per trapiantarle in giardino come ornamentali commestibili.

Il finocchietto cresce anche fino a 150 centimetri. Le sue foglie verdi ricordano il fieno (da cui il nome foeniculum) mentre in estate sboccia con ombrelle di piccoli fiori gialli dal sapore e profumo intenso.

Richiede un’annaffiatura frequente e abbondante, preferisce un clima temperato di tipo mediterraneo.

Raccolta e usi

La raccolta del fiore del finocchio selvatico avviene solitamente in agosto fino a fine settembre. Il fiore si può usare fresco o si può essiccare.

Finocchietto selvatico proprietà

Le proprietà del finocchietto selvatico più conosciute sono quelle diuretiche, antispasmodiche, antinfiammatorie e toniche per il fegato.

In particolare la tisana di finocchietto selvatico è apprezzata da chi ha difficoltà digestive, aerofagia, vomito e nell’allattamento per ridurre le coliche d’aria nei bambini. La tisana ai semi di finocchio selvatico è ottima contro la pancia gonfia anche per gli adulti.

Finocchietto selvatico ricette

Dunque come cucinare il finocchietto selvatico? Tradizionalmente le ricette con finocchio selvatico più diffuse impiegano questa pianta come aromatizzante. Si usano sia i fiori freschi o essiccati, sia i frutti impropriamente chiamati “semi”, che sono più o meno dolci, pepati o amari.

Sono commestibili anche le foglie fresche sminuzzate nelle minestre, sui piatti di pesce, nelle insalate o con i formaggi. La tradizione italiana lo celebra soprattutto nella ricetta siciliana della pasta con finocchietto selvatico, la pasta con le sarde!

I fiori si usano per aromatizzare tante altre pietanze. I frutti per aromatizzare i taralli pugliesi e tanti dolci fatti in casa. In particolare sono utilizzati nella tisana al finocchietto selvatico.

Un celebre uso del foeniculum vulgare è il liquore al finocchietto selvatico fatto in casa.

Come conservare il finocchietto selvatico

Si può congelare il finocchietto selvatico crudo per conservarlo oppure farne essiccare le foglie e i fiori.

Nome Botanico Foeniculum vulgare (red/green)
Nome
volgare
Finocchietto selvatico
Famiglia  Apiacee
Durata Perenne
Temperature Zona 8-10 (vedi mappa USDA Italia)
Esposizione Sole
Terreno Anche poco fertile, ben drenato
Crescita h(cm) 150
Antesi  Giugno-agosto

Leggi anche:

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscrivimi ora!