5 erbe selvatiche commestibili da riconoscere e usare

5 erbe selvatiche commestibili da riconoscere e usare

Le erbe selvatiche commestibili sono moltissime: piante spontanee che crescono in tutta Italia e che spesso si fanno notare per il loro rigoglio o per il profumo che emanano. Nel nostro vivaio di Lecco ne coltiviamo diverse specie italiane e oggi vi segnaliamo 5 erbe selvatiche commestibili da riconoscere e usare in cucina o per le loro proprietà.

Ogni territorio ha le sue erbe selvatiche commestibili. Si differenziano da regione a regione e vengono spesso chiamate in molti modi diversi anche in base alla tradizione popolare. Sono varietà di piante dalle foglie commestibili, ma anche con fiori eduli, radici e frutti che si possono consumare.

Erbe selvatiche commestibili: come riconoscerle

Sapendole riconoscere, le erbe spontanee commestibili possono diventare una preziosa risorsa in cucina o per le diverse cure naturali che potete trovare anche in erboristeria.

Le erbe commestibili crescono al ciglio dei sentieri in montagna, nelle aiuole, a bordo strada o nei campi. Riconoscere le piante dalle foglie commestibili per selezionarle con cura è importante, altrimenti si rischiano effetti indesiderati o di consumare varietà dalle proprietà nocive.

Dove trovarle

Chiaramente, essendo erbe selvatiche, le trovate in natura; ma non solo!

Noi di Res Naturae coltiviamo molte specie di erbe commestibili e piante eduli nel nostro vivaio di Lecco. Contattateci subito per ordini e spedizioni in tutta Italia!

Coltivazione e usi in cucina

Queste piante selvatiche commestibili crescono spontanee e per questo in genere la loro coltivazione è facile: si prestano ad essere coltivate anche nell’orto, in giardino o in vaso sul balcone!

Su alcune di queste erbe aromatiche e non, la tradizione della cucina italiana ha fondato piatti tipici come per esempio il risotto con l’ortica o il liquore di finocchietto selvatico. Con le erbe selvatiche da mangiare potete anche guarnire i piatti o creare ottime tisane fatte in casa.

Raccolta

Le piante spontanee commestibili possono essere invernali o estive. In questo articolo trattiamo sopratutto quelle erbe commestibili di campo che dalla primavera fino all’autunno ci accompagnano con la loro silenziosa ma colorata, profumata e saporita presenza!

Trattandosi di piante commestibili selvatiche, la raccolta avviene a mano e di caso in caso potrete utilizzare:

 

Dopo queste doverose premesse, ecco dunque un focus su cinque piante erbacee commestibili:

1. Plantago major rossa

erbe selvatiche commestibili plantago major purpurea piantaggine maggiore

La Plantago major purpurea, anche conosciuta come piantaggine maggiore, è una pianta erbacea che cresce spontanea ed è sia bella da vedere che ottima da gustare come insalata perenne, dal sapore leggermente amaro e di sottobosco.

2. Echium vulgare

pianta e fiori erba viperina echium vulgare

Con Echium vulgare intendiamo quella che in molti chiamano l’erba viperina. Questa erba commestibile è edule in tutte le sue parti, dai fiori alle foglie, ma è anche ornamentale grazie alla sua stupenda fioritura di colore blu che potrà abbellire il terrazzo o il giardino durante l’estate.

3. Sanguisorba officinalis

erbe selvatiche commestibili Sanguisorba officinalis salvastrella

La Sanguisorba officinalis è più conosciuta come Salvastrella, detta anche meloncello o erba pimpinella, soprattutto la specie minor. I suoi fiori sono estivi, stupendi e molto originali ma di questa pianta è meglio consumare le foglie commestibili che hanno un sapore che ricorda il cetriolo e potranno rinfrescare le ricette dei mesi più caldi.

4. Tanaceto partenio

erbe selvatiche commestibili tanaceto partenio Amarella maresina

Il Tanacetum parthenium ha molti altri nomi: Amarella, Partenio, Maresina ed Erba Madre per citarne alcuni. Questa pianta commestibile ha mille utilizzi possibili grazie a fiori e foglie eduli. Come suggerisce il suo nomignolo, il sapore delle foglie è piacevolmente amaro, adatto a insaporire le frittate di verdura per esempio. I fiori, che somigliano alle margherite, sono perfetti per tisane e infusi.

5. Erba stella

erbe selvatiche commestibili Erba stella minutina plantago coronopus

Anche la Plantago Coronopus è comunemente chiamata con il nome di erba stella o minutina. Questa erba di campo appartiene alle erbacee perenni ed è ricca di vitamine e molto versatile per diversi utilizzi. Si possono consumare sia le foglie crude in insalata che le radici.

Quali sono le vostre erbe selvatiche commestibili preferite?

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti subito alla nostra newsletter per rimanere in contatto e aggiornato su tutte le ultime novità!

Si, iscrivimi ora!

Leggi anche:

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscrivimi ora!